Depressione post parto: quali integratori sono utili per la prevenzione

24 Luglio 2023
4 minuti
prevenzione depressione post partum

La depressione post-parto è un problema serio che si stima colpisca una donna su sei dopo la nascita del bambino. Tale disturbo viene spesso sottovalutato, poiché non sempre si presenta con sintomi severi, ma viene confuso con il naturale senso di stanchezza che si verifica all’indomani della nascita del bambino.

Nonostante la gioia per questo evento, ci sono una gamma di sentimenti oscuri che possono alimentare il sentimenti negativi, come ansia, l’idea di essere incapaci di prendersi cura del neonato, mancanza di concentrazione, oppure l’ansia per l’allattamento.

Qualora i sintomi siano severi è opportuno ricorrere alla terapia farmacologica, poiché è necessario garantire alla neomamma il ritorno al benessere e un ambiente sereno e sicuro al proprio bambino. L’approccio alle forme depressive richiede sempre una terapia personalizzata e in linea con le esigenze dell’individuo proprio per sortire un’efficacia nel più breve tempo possibile.

In questo articolo cercheremo di capire se è possibile prevenire la depressione post-parto e se esistono integratori che possono aiutare in questo specifico caso.

Quali sono gli integratori per la prevenzione della depressione post-partum

Alcuni integratori che sono stati studiati per il loro potenziale ruolo nella prevenzione della depressione post-parto. Tutto questo è riconducibile al fatto che l’alimentazione e la supplementazione svolgono un ruolo importantissimo nella gravidanza, in quanto il bambino assorbe dalla madre tutti i nutrienti necessari per il proprio sviluppo.

Alcuni stati carenziali possono influenzare, all’indomani del parto, anche il tono dell’umore e rendere più esposte le donne a questa forma depressiva.

Omega-3: perché sono importanti nella prevenzione della depressione post-partum

Gli acidi grassi omega-3, come l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA), sono essenziali per la salute del cervello e del sistema nervoso.

Sono stati condotti studi che suggeriscono un legame tra bassi livelli di omega-3 e una maggiore suscettibilità alla depressione post-parto. Pertanto, gli integratori di omega-3 potrebbero essere utili per alcune donne come parte di un approccio più ampio per la prevenzione.

In particolare, sia nell’ultimo trimestre che dopo il parto si può essere più suscettibili a una carenza di Omega-3. La carenza può essere di tipo cumulativa, in quanto più sono le gravidanze portate a termine, e più si può riscontrare una carenza di Omega-3 soprattutto se non si assumono questi grassi attraverso l’alimentazione.

Vitamina D: perché evitare lo stato carenziale

La vitamina D svolge un ruolo importante nella regolazione dell’umore e nei processi neurologici. Alcuni studi hanno suggerito una possibile associazione tra bassi livelli di vitamina D e una maggiore probabilità di sviluppare depressione post-parto.

Gli stati carenziali dovrebbero essere evitati, proprio perché livelli bassi di vitamina D possono interferire con il funzionamento cognitivo normale. Tuttavia, è necessario ulteriori ricerche per comprendere meglio il legame tra vitamina D e depressione post-parto.

Probiotici e depressione post-partum

Recenti studi hanno suggerito che i probiotici, i “batteri buoni” che promuovono la salute intestinale, potrebbero avere un ruolo nel miglioramento dell’umore e nella riduzione dei sintomi depressivi. In particolare, uno studio della University of Auckland, condotto in collaborazione con altre università neozelandesi e pubblicato sulla rivista scientifica EBioMedicine ha dimostrato che il fermento lattico fisiologico, il Lactobacillus rhamnosus HN001, contrasta i sintomi della depressione e dell’ansia dopo il parto.

Il potenziale impatto dei probiotici sulla prevenzione della depressione post-parto è un’altra strada sulla quale si sta cercando di costruire una strategia per la prevenzione di questo disturbo, ma sono necessarie ulteriori indagini per avere dei riscontri certi e universalmente applicabili.

Magnesio: come regola il sistema nervoso

Il magnesio è un minerale importante coinvolto in diversi processi nel corpo, compresa la regolazione dell’umore e del sistema nervoso.

Alcuni studi hanno suggerito che l’integrazione con magnesio potrebbe essere utile nel trattamento dei sintomi depressivi in generale. Tuttavia, la sua efficacia specifica nella prevenzione della depressione post-parto richiede ulteriori ricerche.

Folato (acido folico)

Il folato è una vitamina del gruppo B che è essenziale per la salute del cervello e la produzione di neurotrasmettitori coinvolti nella regolazione dell’umore. Gli integratori di acido folico sono comunemente raccomandati durante la gravidanza per prevenire difetti del tubo neurale nel feto, ma possono anche avere un ruolo nella prevenzione della depressione post-parto.

È fondamentale ricordare che la depressione post-parto è una condizione complessa e multifattoriale. Gli integratori possono essere utili per alcune donne, ma non rappresentano una soluzione completa e devono essere considerati parte di un piano di trattamento globale.

Se si sospetta di avere depressione post-parto o se si stanno vivendo sintomi depressivi dopo il parto, è essenziale cercare aiuto medico professionale per una valutazione accurata e un trattamento adeguato.

Disclaimer

Le informazioni che puoi trovare in questo articolo hanno uno scopo puramente informativo e non possono sostituire in alcun modo una diagnosi o la prescrizione di un medico. In caso di dubbi o domande, chiedi consiglio al tuo medico curante o a uno specialista di riferimento che potrà consigliarti l’adozione di un trattamento o di un integratore adatto alle tue necessità.